HOME | CHI SIAMO | CONTATTI | NEWS | ARTICOLI | GALLERY | CONSULENZA ON LINE |

 

Educazione

Riflettere o difendersi ad oltranza?

“Navigando “ sul web ( ma soprattutto , nella vita di tutti giorni) ho letto ed ascoltato numerosissime storie e mi ha colpito un atteggiamento molto frequente : di fronte alle problematiche e alle relazioni poco appaganti, molte persone difendono la propria posizione anche quando la realtà dei fatti chiede una verifica delle proprie “strategie”. Pur scontenti della propria vita, ricercano all’esterno le cause ; si oscilla , così, tra sensi di colpa immobilizzanti e reazioni difensive generalizzate.
I genitori si sentono colpevolizzati ,ingiustamente, se il proprio figlio esprime disagi (anche quando sanno perfettamente che certe dinamiche familiari in atto sono disturbanti per chiunque) , la coppia in conflitto non trova punti di convergenza per l’urgenza di cercare nel patner la colpa del fallimento, le insegnanti cercano nella famiglia la causa delle difficoltà di gestione dei bambini e/ o ragazzi .
Poi si accusa la società , come ultimo fantasma responsabile del malessere di tutti……..

Educare


Tutti vittime di un sistema da accusare…ma a chi serve e a cosa porta se non a sentirsi impotenti?
Chi davvero può ritenersi così inattaccabile da non dover mai mettere in discussione il proprio modo di agire e di pensare?
Se tutti i cambiamenti arrivano dall’esterno o da farmaci miracolosi ..siamo tutti passivi in attesa che qualcuno o qualcosa ci risolva la vita.
Mi viene da pensare che il meccanismo di pensiero, che porta a questo, parta da una premessa sbagliata e da una domanda altrettanto errata: di chi è la colpa del nostro malessere e di chi ci circonda?
E’ a questo punto che scatta la “fuga” nella ricerca del colpevole ; a chi verrà lasciato il compito di cercare la soluzione?
Se nostro figlio ci racconta il suo disagio, se il nostro patner si allontana, se abbiamo difficoltà nei rapporti interpersonali , possiamo decidere di moltiplicare la sofferenza , con il comportamento di sempre ( anche questa è una scelta!), o tentare di modificare qualche cosa , riflettendo su due aspetti importanti:

sui nostri sentimenti : cosa proviamo e come esprimiamo le nostre emozioni,

sui sentimenti dell’altro : come arriva , a chi ci sta vicino, un malessere che , probabilmente , non ha nulla a che vedere con i suoi atteggiamenti.

Cosa “pretendiamo” dall’altro e cosa è giusto “pretendere “…

Siamo certi di poter “offrire”, agli altri, le stesse cose che ci aspettiamo ?
Riusciamo ad essere coerenti nel chiedere e nel dare?
Siamo più propensi a fare i moralisti o a proporre modelli etici da seguire?

La pazienza , la tolleranza, l’attesa, la gentilezza, il rispetto, la comprensione, la sospensione del giudizio, il perdono……che piacere portarli “a casa”!
In che misura siamo disposti a RICAMBIARE?

Ognuno di noi ha delle “valigie pesanti” da portare e, spesso, contengono sentimenti tramandati, che non ci appartengono; i nostri modi agire sono pieni di emozioni che vengono da lontano e che si “scatenano” inconsapevolmente , nel nostro presente, senza chiederci il “permesso”.

Siamo colpevoli di questo? Direi proprio di no!

Forse abbiamo solo la presunzione di ritenerci immuni da questi pericoli !
 

FORUM | NEWSLETTER | RECAPITI | SONDAGGI | LINKS |

 
 

 © 2011 -Genitori quasi perfetti

Google